L’AVARE: d’après Molière

L’AVARE: d’après Molière

Sabato 18 Aprile ’20 | ore 21:00
Domenica 19 Aprile ’20 | ore 18:00

Centro ZO | Catania

Interpretazione versione francese: Olivier Benoit e Alexandre Jean
Idea originale: Jordi Bertran
Creazione: Olivier Benoit, Miquel Gallardo
produzione Tabola Rassa (Spagna-Francia)

Trailer Spettacolo

ACQUISTA spettacolo Sugnu o nun sugnu 2.0 Palco OFF Catania


LO SPETTACOLO

Un grande classico come lo avete mai visto, dove l’oro è l’acqua e i personaggi dei rubinetti.

Teatro degli oggetti in lingua Francese ma d’immediata comprensione.

Un adattamento del grande classico in cui l’oro viene sostituito dall’acqua e dove i personaggi sono “incarnati” dai rubinetti? Un nuovo e sorprendente TEATRO DEGLI OGGETTI.

L’AVARE: d’après Molière è stato recitato in circa trenta paesi, in diverse lingue (catalano, spagnolo, francese, inglese e portoghese).

Un adattamento del grande classico in cui l’oro viene sostituito dall’acqua e dove i personaggi sono “incarnati” dai rubinetti?
Sì, è vero, il pregiudizio di questo spettacolo sorprendente. Immagina una dozzina di strumenti idraulici che prendono vita per offrire una versione folle e fedele di “Miser”. Immagina Harpagon, nel vecchio rubinetto di rame, che accumula pazientemente le gocce del prezioso liquido mentre suo figlio Cléante, cromato ma asciutto, cerca di soddisfare la sua sete d’amore.
Immagina La Flèche, la serva insolente, giustamente sospettata di voler sifonare il serbatoio del suo incorreggibile padrone … Avrai quindi un’idea delle sorprese che questa insolita commedia ti offre di fronte a una carenza di risorse naturali.

Le origini del Teatro degli oggetti sono, senza dubbio, nelle marionette. Ma quando parliamo delle marionette, ci vengono in mente le tecniche tradizionali praticate in Europa: Guignol in primo luogo, il figlio delle marionette, Polichinelle, ecc. Spesso dimentichiamo o ignoriamo le forme contemporanee e quelle dall’estero il Bunraku giapponese, il teatro delle ombre … così come le innumerevoli variazioni delle tecniche tradizionali (pupazzi con gambo, con guaina, con trattamento diretto …)
Perché i burattini, oggi, combinano tutti i tipi di tecniche e continuano a sorprendere un pubblico in continua crescita per chi non rappresentano più questo obsoleto e rigoroso riservato ai bambini.

Il teatro degli oggetti è uno degli avatar contemporanei del burattino che Marcel Duchamp e le sue diversioni di oggetti hanno sicuramente contribuito a generare!

Consiste, quindi, nell’utilizzare oggetti della vita quotidiana, così come sono, e di farli vivere come facciamo con i burattini.

In effetti, gli oggetti creati dagli uomini hanno tutti quel che resta dell’umanità che li ha generati. La simmetria, ad esempio, si trova sia nel corpo umano che in un rubinetto, una sedia o una forchetta

L’uso che ne fa l’uomo definisce anche l’oggetto e lo fornisce con i joystick, per esempio, è lasciare l’impronta umana su di esso. Quindi, se guardiamo attentamente a toccalo puoi trovarlo una fisionomia, una maschera e persino un tipo di personalità …

Quindi, se guardiamo attentamente un rubinetto possiamo trovargli una fisionomia, una maschera e persino un tipo di personalità …

 

TORNA ALLA STAGIONE