6^ Rassegna di Palco Off Milano 2021

PROGRAMMA

6^ Rassegna di Palco Off
ATTORI, AUTORI E STORIE DI SICILIA


al TEATRO PACTA


GOCCE: RELITTI DI NAUFRAGI
Venerdì 8 Gennaio 2021

TEATRO PACTA
Di Giulia Sara Borghi – Stefania Buraschi
con Giulia Amato – Jessica Fiumara – Arianna Sain
regia Giulia Sara Borghi -Stefania Buraschi -Edoardo Maione

Gli ex allievi della Paolo Grassi coinvolti in questa fortunata operazione  raccontano l’esperienza tragica e traumatica del naufragio in un taglio poetico ed evocativo, restituendo il viaggio in mare del profugo attraverso una sinergia di musica, voci e movimento.


PAROLE MUTE
Giovedì 4 e Venerdì 5 Febbraio 2021

 TEATRO PACTA
Di e con Francesca Vitale
Regia Lamberto Puggelli

“Parole Mute è una storia vera, la storia mia e di mio padre. Vi racconto l’esperienza e i problemi di una figlia, le sensazioni, i ricordi, le sofferenze e le emozioni. Vi racconto lo sconvolgimento che si prova nel trovarsi faccia a faccia con questa brutalità che è la malattia d’Alzheimer
; la pena e lo sconforto che nascono quando sai che un tuo caro è stato aggredito da qualcosa di mostruoso e sconosciuto; vi racconto anche le sensazioni buone, alte, importanti che la sofferenza, talvolta, può dare.”


CON SORTE
Lunedì 15 e Martedì 16 Febbraio 2021

TEATRO PACTA
Di Giacomo Guarneri
con Oriana Martucci

Con Sorte è il primo esito di un percorso  sperimentale, che attraverso laboratori e residenze con attori professionisti e non, dal 2017 a oggi indaga il tema della mafiosità come cultura. Durante i laboratori gli attori vengono coinvolti a partire dal tema. Gli stimoli provenienti dalla loro immaginario, rielaborati, servono a costruire personaggi e contesti, azioni ed episodi.


QUANTO RESTA DELLA NOTTE
mercoledì 28 e giovedì 29 Aprile 2021
TEATRO PACTA

di e con Salvatore Arena
produzione Manachuma Teatro

Dopo aver portato in scena il toccante “Come un granello di sabbia”, Salvatore Arena torna al Teatro Libero e torna a Palco OFF, con uno spettacolo che nasce dalla necessità di andare oltre la notte per immaginare un tempo dedicato all’amore, per vivere la malattia come guarigione, la morte della madre come riavvicinamento di un figlio alla vita. Un atto d’amore.